Guida Michelin 2018: pronostici sui ristoranti stellati

Guida Michelin 2018

Quali saranno i nuovi ristoranti stellati sulla Guida Michelin 2018?

Mancano ormai pochi mesi alla presentazione della Guida Michelin 2018, la 63° edizione della guida ristoranti più famosa e internazionale, la “guida Rossa“.

È quindi arrivato il momento di fare qualche previsione sulla prossima edizione. Chi otterrà la prima Stella Michelin? Chi passerà da 1 a 2? E ci saranno nuovi 3 Stelle?

L’anno scorso è stata l’edizione della prima Stella per Bistrot 64, Per Me, The Corner a Roma, per Lume e Felix Lo Basso a Milano, per La Leggenda dei Frati a Firenze… (qui tutti i nuovi ristoranti stellati 2017) ed è stata la grande annata per Enrico Bartolini.

A nostro avviso sulla Guida Michelin 2018 si candidano sicuramente per la prima Stella il ristorante Bros di Lecce (chef Floriano e Giovanni Pellegrino), Essenza a Milano (chef Eugenio Boer) ed Eit al Rex (chef Luigi Nastri). Potrebbe poi riottenere la stella il ristorante All’Oro (chef Riccardo Di Giacinto), che ha recentemente riaperto in una nuova sede, e il Contraste di Matias Perdomo a Milano.

A Milano poi c’è la questione Cracco, che potrebbe fare in tempo ad aprire il suo nuovo locale in Galleria Vittorio Emanuele II per poi essere valutato sulla Guida 2018…

A Roma invece potrebbe ottenere 2 Stelle il ristorante di Alessandro Pipero, forte di una nuova sede che valorizza al meglio la cucina di Luciano Monosilio. E forse anche Metamorfosi potrebbe passare da 1 a 2 Stelle… Chissà invece se Acquolina manterrà la stella anche dopo il trasloco in centro a Roma? Tutto dipenderà da quanto i responsabili della guida rossa saranno prodighi di premi.

Ci auguriamo che sia una Guida Michelin 2018 ricca di novità. Quali sono secondo voi i pronostici? Quali nuovi ristoranti stellati auspicate?


Scopri tutte le ultime notizie enogastronomiche.

Leggi anche la storia della guida rossa.

Leggi anche Il futuro delle guide? È ancora della Michelin!

Commenti

  1. Marco dice

    Anche io concordo sul fatto che Abbattista si meriterebbe la stella. Ma per esperienza personale premierei anche la maestria di Riccardo Camanini, uno degli Chef più talentuosi dell’attuale panorama gastronomico italiano.

  2. Marco dice

    Anche io concordo sul fatto che Abbattista si meriterebbe la stella. Ma per esperienza personale premierei anche la maestria di Riccardo Camanini, uno degli Chef più talentuosi dell’attuale panorama gastronomico italiano, con la seconda stella.

  3. Giuseppe dice

    In Campania seconda stella a Michele Deleo del Rossellinis (la merita ampiamente ed il ristorante è in uno dei posti più spettacolari del mondo, Ravello)
    Mi piacerebbe poi arrivasse la stella al Maeba ad Ariano Irpino (AV), locale bello e giovane chef talentuoso, il tutto lontano dai grossi centri, eroici.

  4. Andrea dice

    Nuova stella per il vespasia a NORCIA dopo il cambio chef e uno fra Polito a Montone e trippini nuova sede
    Pronostico Umbria

  5. Gianni B. dice

    Personalmente penso sia arrivato il momento che in Italia si gratifichi il duro lavoro di ricerca e gusto del Ristorante La Peca di Lonigo in provincia di Vicenza, portandola da Due a Tre Stelle, in virtù dell’ottimo lavoro e sperimentazione che Nicola e Luigi Portinari hanno saputo esprimere in tutti questi anni.

  6. Maria dice

    Per le 2 stelle:

    Angelo Sabatelli (ristorante omonimo)
    Roy Caceres ( metamorfosi
    Davide Scabin ( combal.0)
    Matteo Metullio ( La Siriola)
    Andrea Berton ( ristorante omonimo)

    Per le 3 stelle

    Emanuele Scarello ( Agli amici)
    Antonio Guida ( Seta)

    Grandissime cene!!!!!

  7. dice

    Sono davvero tanti gli spunti interessanti fra i vostri commenti. Siamo certi che molti di quelli citati riusciranno a ottenere bei risultati.
    Tanti dubbi su Fourghetti.
    E anche 2 nuovi tre stelle ci appaiono poco probabili. Ma non si sa mai…

    • Maria dice

      Sicuramente e´ difficile che tutti questi siano premiati nella guida 2018 ma sono fra i locali dove ho mangiato meglio nell’ultimo anno e mezzo.

      Sabatelli penso sia uno dei piu´ papabili
      Roy Caceres e´ veramente un fenomeno
      da Scabin si sta bene tanto quanto aveva le 2 stelle
      Metullio potrebbe essere la novita` forse la sua giovane eta` potrebbe non aiutare
      Berton e´ una sicurezza

      Dimenticavo anche Oro al Cipriani…. Super!!!!

      Per i 3 stelle

      Scarello e´ instato di grazia
      Guida invece potrebbe essere frenato dal fatto di aver preso 2 stelle l’anno scorso, pero´ non ha niente da invidiare ai altri 3 stelle italiani.

      W L’Italia e W la cucina Italiana

    • dice

      Io sono stata sempre molto meglio da Marzapane che da Fernanda, ma non darei la stella né all’uno né all’altro. Conoscendo però i canoni della Michelin penso che abbia più speranze Marzapane.

    • dice

      Io manco da circa un anno, nel 2016 la sala ancora non funzionava perfettamente, però il contesto di straordinaria bellezza e uno chef di sicuro valore potrebbero certamente giustificare una seconda stella.

  8. dice

    Credo che la Stella dovrebbe tornare al Giuda Ballerino di Andrea Fusco. Una nuova cucina a vista che valorizza il lavoro della brigata e un nuovo menù “Altitudini del Lazio”capace di coniugare al meglio creatività e tradizione.

  9. Giorgio dice

    Secondo me quest’anno e’ l’anno della 3º a Uliassi, due a Camanini,Baronetto,Berton e Cacerea
    Una a Essenza (sarebbe ora), Bros , Undicesimo Vineria, Materia e Contraste.

    • luca dice

      ho testato i 3 in “odore” di stella del Veneto: Undicesima Vineria, DeGusto e Stube Gourmet.

      Se devo dire la mia il migliore è quest’ultimo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *