Achilli Enoteca al Parlamento – Roma

achilli-enoteca-al-parlamento
Indirizzo:via dei Prefetti, 15 - 00186 Roma
Sito internet:www.enotecalparlamento.com
Giorno chiusura:domenica
Fascia di prezzo:50 - 100 euro
Tipo di locale:ristorante - enoteca
Carte di credito:tutte
Andateci per:un'esperienza gastronomica sorprendente e appagante

Nel cuore di Roma, una storica enoteca è anche un ristorante gourmet davvero molto interessante.

chef Achilli Enoteca al Parlamento

Massimo Viglietti, chef di Achilli Enoteca al Parlamento

Leggi le recensioni di Achilli Enoteca al Parlamento:

  • Ritorniamo da Achilli, storica enoteca nel cuore di Roma a due passi dal Parlamento, dove eleganza retrò e sapori gourmet vanno a braccetto. Alla sala provvede la famiglia Achilli, mentre ai fornelli lo chef Massimo Viglietti a proporre una cucina che si muove tra solidità, sperimentazione e fantasia.

    Lo chef (che si è fatto notare a Taste Of Rome 2017, dove girava in kilt presentando un’entusiasmante elaborazione di ostriche e scottona chiamata “m’importa na sega”. Un punk del Nord Europa, praticamente) è sempre più bravo, grazie a una sorprendente, a volte spiazzante, capacità di combinare sapori in contrasto tra loro.

    Provare per credere l’inusuale e formidabile combinazione di 8 piatti che ci viene proposta, da una carta in continuo movimento che non segue alcun ordine: un’esperienza a volte delicata, altre forte e complicata, certe volte inebriante e stordente altre rilassante, in cui si susseguono ardite elaborazioni di spigola, lepre, patata affumicata, sogliola, coniglio, piccione, gamberi e infine banana e caviale.

    La lepre è servita in forma di cappuccino dentro un bicchiere ed emulsionata al foie gras e spugnola, la patata (accostata ad una delicata crema di robiola, pinoli e alici del Cantabrico) è aromatizzata al sigaro, e la sensazione lunga e persistente è quella di aver fumato, la spigola è in tartare con polvere di pesto (che ricorda le origini liguri dello chef), tapenade di olive nere e scaglie di cioccolato bianco, il coniglio è servito in tazza in spuma d’ostrica, il gambero è un dolce in versione “suzette” (come la crêpe: Grand Marnier e Cognac) accostato a spuma di cioccolato e frolla, il caviale è goloso nel suo accompagnamento con la crema di banana. E non si può dimenticare il “sorbetto” d’aria aromatizzata al cedro (in flacone) e tovagliolo all’eucalipto.

    Insomma, una cucina colta, ribelle, arrogante e indisciplinata, che stupisce e appaga.

    • Valutazione: tre_picche_m

  • Incuriositi da alcune recensioni molto positive, qualche tempo fa abbiamo deciso di andare a cena in questa istituzione del centro di Roma. In tutta sincerità non avevamo grandi aspettative, ma siamo stati smentiti alla grande.

    Da qualche tempo in cucina, infatti, è arrivato uno chef ligure di grande talento, Massimo Viglietti (in precedenza titolare del ristorante Palma di Alassio), che è riuscito a trasformare questo locale decisamente retrò in una meta gastronomica da non perdere.

    Lo chef vuole divertire gli ospiti e noi ci siamo diverti molto, fra abbinamenti arditi e preparazioni che reinventano con creatività la tradizione.

    I migliori assaggi: carpaccio di spada, uva schiacciata, ravanelli come tartufo e sale al caffè (forse il migliore piatto della serata, elegante e delicato, ma incisivo allo stesso tempo), triglia, astice e cozze in zuppetta di canocchie (un trionfo di gusto, proprio come ve lo immaginereste), coscia di pollo in sfilacci, peperone e vino bianco (felice rivisitazione del classico romano pollo coi peperoni), infine una straordinaria carbonara (da top 5 cittadina), con “iniezione” di tuorlo d’uovo marinato al Cognac.

    Per chiudere in bellezza abbiamo scelto il gelato di sigaro Toscano con prugna ripiena al foie gras – un dessert che lo chef definisce “per fumatori”, ma che io, non fumatrice, ho apprezzato moltissimo – e una torta Sacher scomposta (per golosi incalliti).

    Naturalmente i piatti sono accompagnati da una grande selezione di vini, i cui ricarichi non sono affatto eccessivi, essendo proposti allo stesso prezzo dello scaffale. Il servizio è professionale e competente.

    • Valutazione: tre_picche_m

    Recensione di Erica Battellani

 

Leggi le altre recensioni di ristoranti di Roma.

Consulta la pagina di ricerca dei ristoranti.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *