Quali uova di Pasqua comprare a Milano

uova di pasqua milano enrico rizzi

Dopo quaranta giorni di digiuno quaresimale, la cioccolata è la soluzione definitiva: sembra che l’uovo di Pasqua nasca per dare sostanza al corpo e conforto all’anima. Non per nulla le uova, nella tradizione cristiana, sono simbolo di vita e rinascita.

Uova di Pasqua: quali comprare e dove a Milano

Milano offre un ventaglio di uova di Pasqua di grande pregio tra cui scegliere: in piazza del Duomo, all’interno di un’innovativa filiale di Intesa San Paolo (angolo Piazza Diaz), svetta l’iconico uovo di Iginio Massari in total black con la sua firma come unica decorazione, che arriva a costare fino a 140 euro al kg.

A pochi passi, da Peck spicca l’uovo Golden Egg del pasticcere Galileo Reposo: un elegante guscio di cioccolato al latte con colorazione dorata e impreziosito da medagliette di cioccolato ai 3 gusti (latte, fondente e bianco) con frutta secca e canditi.

Nella boutique di Enrico Rizzi in via Correnti le uova diventano vere e proprie opere d’arte: sono 12 le nuove collezioni, dall’uovo coperto di macaron alla “sinfonia dei golosi” con cioccolato biondo al caramello, fave di cacao intere e scaglie di sale Maldon.

Rimanendo in zona, l’innovativo concept di Cioccolati Italiani in via De Amicis permette di comporre il proprio uovo: dalla scelta del cioccolato, con la possibilità di unire gusti differenti, alla sorpresa all’interno fino al foulard di seta che lo avvolge.

Da Eat’s le uova sono tutte decorate a mano dalla famiglia Barbero che dal 1838 porta avanti due grandi passioni: le Langhe e il cioccolato extra-fondente monorigine, che ordina da Cuba e Venezuela.

A La Martesana in via Cagliero le uova sono “nocciolate”: all’interno del guscio sono contenute nocciole intere che conferiscono un gustoso aspetto irregolare. Per i più piccoli invece sono tanti i personaggi a tema pasquale: tra coniglietti, animaletti e pesci colorati c’è l’imbarazzo della scelta.

Tantissime anche le uova decorate e i soggetti pasquali della storica pasticceria Clivati, in viale Coni Zugna: dalla casa di cioccolata da cui escono gli ovetti alla borsetta a forma di uovo che ammicca a Luis Vuitton, fino al simpatico uovo a forma di coniglietto.

Alla Rinascente trovate uno storico divertissement del pasticcere Roberto Rinaldini, l’“Ovo”, dove racchiusi in un vero e proprio guscio, il cioccolato bianco, al latte e fondente emulano in modo perfetto l’uovo alla coque.

Ha aperto da neanche un anno ma è già un’istituzione: dal Pastry Lab di Cornaredo al bistrot Just Love in Porta Ticinese, Nicolò Moschella, a soli 23 anni, prepara uova di Pasqua che guardano al fashion e al design: “cioccolati a contrasto” è il titolo dell’uovo con diverse coperture, per chi ama diverse sfumature di cacao.

Per chi non resiste alla dolcezza, nei punti vendita Lindt di Corso Buenos Aires e a Scalo Milano il Gold Bunny da 50 g di puro cioccolato al latte, con il suo inconfondibile collarino rosso, è ambito da grandi e piccini.

Tutto sulla Pasqua:

Casatiello napoletano: la ricetta della tipica torta rustica pasquale

Come si fa la pastiera napoletana: video ricetta

Sei ricette di Pasqua per un pranzo gourmet

Pranzo di Pasqua a Roma: i consigli per mangiare fuori



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *