I migliori cocktail della Florence Cocktail Week 2017

migliori cocktail della FCW2017

È Roberto Prato del Tabarin il vincitore della Florence Cocktail Week 2017. Con il suo Perfect Date ha conquistato una giuria d’eccezione, composta da Hidetsugu Ueno dell’High Five Bar di Tokyo, uno dei più grandi bartender del mondo, Alessandro Procoli del Jerry Thomas di Roma, Mattia Pastori, miglior bartender d’Italia nel 2016, e Neri Marcorè. Il contest di sabato 6 aprile che si è svolto presso il Mercato Centrale ha decretato i migliori cocktail dell’evento e ha dato al pubblico la possibilità di vedere all’opera i talentuosi bartender della città.

Al secondo posto si è piazzato Neri Fantechi del MAD Souls & Spirits con il Cuba Was Libre, mentre la terza posizione è andata Luca Picchi del Gilli 1733 – autore del libro Negroni cocktail, una leggenda italiana – per il suo Hanky Funky.

Il Premio speciale “Marcorè” – dedicato alla presentazione del cocktail – è stato invece conquistato da Michel Granpasso Orlando di The Fusion Bar con il suo “Conte is Back”.

FCW2017 bartender premiati

Perfect Date by Roberto Prato

Il Perfect Date di Roberto è un cocktail strutturato, ma allo stesso tempo fresco. L’utilizzo del dattero ha ispirato il nome del cocktail: date è la traduzione di dattero in inglese ma significa anche appuntamento; Perfect Date è un gioco di parole per trasmettere l’idea di “momento in cui bere” e insieme “appuntamento perfetto”.

Ingredienti:

  • 4 cl Elephant Dry Gin
  • 1,5 cl Elephant Sloe Gin
  • 2 cl Liquore Camomilla Homemade
  • 1 cl Belsazar Vermouth
  • 12 gr Confettura di Dattero e Bucco
  • Foam di Ferrari Perlé

Tecnica: Shake and Strain

Bicchiere: Flûte

Cuba Was Libre by Neri Fantechi

«Cuba ha da poco aperto le porte al resto del mondo e tutti fanno a gara a contaminare questa grande tradizione con ciò che hanno di più bello, come in una competizione a eguagliare l’unicità delle materie prime del luogo. “Cuba Was Libre” è il mio tributo all’incontro tra Cuba e il mondo… sperando che nessuno si faccia male!»

Ingredienti:

  • 4,5 cl Ron Cubay Carta Blanca
  • 2,5 cl Succo di Lime
  • 3 cl Cordiale Pomelo e Mirtillo Rosso
  • Foglie di Menta
  • Albume d’Uovo
  • Gocce di Tintura di Vodka e Rafano
  • Top Ferrari Maximum Brut

Tecnica: Shake and Strain

Bicchiere: Coppa

Hanky Funky by Luca Picchi

È ispirato a uno dei grandi classici della miscelazione, l’Hanky Panky, il primo celebre cocktail creato da una donna a inizio Novecento: Ada Coleman del Savoy Hotel di Londra. Questo cocktail in voga ancora oggi è stato “twistato” da Luca Picchi con spezie esotiche come la cannella e suggestioni mediterranee come il mandarino.

Ingredienti:

  • 3 cl Sabatini London Dry Gin
  • 3 cl Carpano Antica Formula
  • 1,5 cl Mandarino Liquore Varnelli
  • Gocce di Fernet Branca
  • Gocce di Delizia alla Cannella Varnelli

Tecnica: Stir

Bicchiere: Cocktail Glass

Conte is Back by Michel Granpasso Orlando

È il celebre Conte Negroni – creatore dell’omonimo cocktail – a ispirare il nuovo drink proposto al Fusion Bar del Gallery Art Hotel: «Il Conte Negroni, rientrando dopo un anno dal suo viaggio in Oriente, passa per l’India dove, affascinato dal sesamo, decide di unirlo al suo distillato preferito e riparte approdando nel bacino Mediterraneo, dove resta colpito dall’uso del miele nei dolci. Forte di queste esperienze, rientra a Firenze e passa dal Fusion a condividere le sue scoperte. Conte is Back».

Ingredienti:

  • 3 cl Barsol Pisco Torontel
  • 3 cl Tanqueray Gin infuso al Sesamo
  • 0,75 cl Fernet Branca
  • 0,75 cl Rabarbaro Santoni
  • 1,5 cl Sciroppo di Miele Millefiori Homemade

Tecnica: Stir & Strain

Bicchiere: Coppa Nostalgic

Non ha potuto partecipare alla competizione finale per un piccolo incidente, ma siamo certi che sarebbe stata ai primi posti della classifica, l’unica barlady coinvolta nella Florence Cocktail Week 2017, Sabrina Galloni del ristorante Gurdulù, che per l’occasione ha creato il P&G, un cocktail il cui nome si ispira al nome del gin utilizzato e a quello del locale. Un drink fresco e piacevolissimo, caratterizzato da una decisa nota agrodolce determinata dall’utilizzo dell’aceto alle rose.

P&G by Sabrina Galloni

cocktail Sabrina Galloni

Ingredienti:

  • 5 cl Peter in Florence London Dry Gin
  • 2 cl Cordial Lime e Bergamotto Homemade
  • 2 cl Aceto di Rose Il Borgo del Balsamico
  • 1 cl Succo di Lime
  • Gocce di Bitter alla Lavanda Homemade
  • Soda Fill
  • Ghiaccio Aromatizzato ai Petali di Iris
  • Alcolato al Bergamotto Nebulizzato

Tecnica: Shake and Strain

Bicchiere: Tumbler Alto

hidetsugu ueno barman

Uno degli assaggi migliori della Florence Cocktail Week 2017 resta comunque il White Lady del giurato Hidetsugu Ueno, protagonista di un’interessantissima masterclass che si è svolta nell’affascinante cornice del Four Seasons Hotel e in cui il celebre bartender di Tokyo ha illustrato ai partecipanti i principi fondamentali e la filosofia del bartending giapponese, conquistando la platea di addetti ai lavori e appassionati anche attraverso una gestualità straordinariamente elegante.

Potrebbero interessarti anche:

Polibibite, come bevevano (e miscelavano) i Futuristi

L’arte della miscelazione a Roma in 8 indirizzi

Cocktail e food pairing: due ricette d’autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *