Tre Forchette 2012 Gambero Rosso

Ieri alla Città del Gusto di Roma è stata presentata l’edizione 2012 della guida Ristoranti d’Italia del Gambero Rosso.
Moltissimi i premi speciali conferiti – dal ristorante con sommelier attento al mondo della birra alla migliore carta dei vini 2012 – ma l’attenzione era ovviamente tutta puntata alle Tre Forchette 2012, il massimo riconoscimento conferito ai ristoranti.

Quest’anno 3 novità: La Gazza Ladra, Il Pellicano e La Stua de Michil. Perdono invece le Tre Forchette l’Enoteca Pinchiorri (pur con l’aumento di un punto di cucina), Miramonti l’Altro (-1 punto di cucina) e Il Pagliaccio (che perde un punto di cantina e uno di bonus). Tre Forchette a quanto pare piuttosto ballerine, visto che Miramonti l’Altro e Pagliaccio le avevano ottenute solo l’anno scorso.

Discorso a parte per le Colline Ciociare di Salvatore Tassa, che ottiene le Tre Forchette nella guida Roma 2012, uscita poche settimane fa, mentre risulta valutata con asterisco (ovvero punteggio sospeso) nella guida Ristoranti.

Grandissimo successo per Massimo Bottura e la sua Francescana, che guadagna 3 punti, salendo in testa alla classifica (insieme all’inossidabile Vissani) e ottenendo il maggior punteggio di cucina (57) a pari merito con la Madia di Licata e il Reale di Castel di Sangro.


Tre Forchette 2012:

95 – Osteria Francescana, Modena – chef Massimo Bottura
95 – Vissani, Baschi (PG) – chef Gianfranco Vissani

94 – La Pergola de l’Hotel Rome Cavalieri, Roma – chef Heinz Beck

93 – Le Calandre, Rubano (PD) – chef Massimiliano Alajmo
93 – Don Alfonso 1890, Sant’Agata sui Due Golfi (NA) – chef Alfonso Iaccarino
93 – Piazza Duomo, Alba (CN) – chef Enrico Crippa
93 – Reale, Castel di Sangro (AQ) – chef Niko Romito

92 – Laite, Sappada (BL) – chef Fabrizia Meroi
92 – Oasis Sapori Antichi, Vallesaccarda (AV) – chef Lina e Maria Fischetti
92 – Dal Pescatore Santini, Canneto sull’Oglio  (MN) – chef Nadia e Giovanni Santini
92 – La Torre del Saracino, Vico Equense (NA) – chef Gennaro Esposito
92 – Villa Crespi, Orta San Giulio (NO) – chef Antonino Cannavacciuolo

91 – Combal.Zero, Rivoli (TO) – chef Davide Scabin
91 – La Madia, Licata (AG) – chef Pino Cuttaia
91 – La Madonnina del Pescatore, Senigallia (AN) – chef Moreno Cedroni
91 – St. Hubertus de l’Hotel Rosa Alpina, San Cassiano (BZ) – chef Norbert Niederkofler
91 – Trussardi alla Scala, Milano – chef Andrea Berton

90 – Da Caino, Montemerano (GR) – chef Valeria Piccini
90 – La Gazza Ladra dell’Hotel Palazzo Failla, Modica (RG) – chef Accursio Craparo
90 – Lorenzo, Forte dei Marmi (LU) – chef Lorenzo Viani
90 – Il Pellicano, Porto Ercole (GR) – chef Antonio Guida
90 – La Stua de Michil de l’Hotel La Perla, Corvara in Badia (BZ) – chef Arturo Spicocchi
90 – Uliassi, Senigallia (AN) – chef Mauro Uliassi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *