Tutti i segreti per un perfetto tè all’inglese… secondo Babingtons

tè all'inglese

Babingtons – la Tea Room aperta nel 1893 in Piazza di Spagna – è uno dei luoghi più affascinanti del centro di Roma. Le giovani inglesi Isabel Cargill e Anna Maria Babingtons sul finire del XIX secolo decisero di investire i loro risparmi (100 sterline) aprendo nella capitale una sala da tè e di lettura per la comunità anglosassone. Un’avventura rischiosa che tuttavia riscosse immediato successo. Nonostante le battute d’arresto determinate dalla Prima guerra mondiale e dalla grande crisi del 1929, l’attività proseguì, ospitando nel corso degli anni uomini politici, attori, artisti, imprenditori… e diventando un punto di riferimento per tutti gli amanti del tè.

Oggi Babingtons è gestito da Chiara Bedini e dal cugino Rory Bruce, discendenti della fondatrice Isabel Cargill, che si impegnano quotidianamente per dare nuovo slancio all’attività, selezionando con grande cura i migliori tè e offrendo tutta la loro profonda conoscenza per garantire al pubblico un’esperienza unica.

Abbiamo chiesto a Chiara qualche indicazione per servire un perfetto tè all’inglese, ed ecco cosa ci ha svelato…

tè vittoriani Babingtons

10 consigli per un perfetto tè all’inglese

1. Quale tè scegliere

Qual è un tè di qualità? Se volete esserne sicuri, scegliete un tè in foglia intera. Osservate il colore e la brillantezza, ma soprattutto la forma delle foglie perché più sono intatte migliore è la qualità del tè che si ottiene. Evitate il tè in “polvere”, come quello che si trova nei filtri.

2. Quale acqua utilizzare

Quella più adatta per preparare il tè è la Lauretana, un’acqua a ridotto contenuto di sali minerali e basso contenuto di sodio. Vi sveliamo un altro segreto: per un tè perfetto l’acqua, quando viene messa a bollire, deve essere fredda.

3. La giusta temperatura e il tempo di infusione ideale per ogni tipo di tè

In generale, semplificando:
Tè bianco: 2 minuti a 95°C
Tè verde cinese: 2-3 minuti a 80°C
Tè verde giapponese: 1-2 minuti a 95°C
Tè oolong: 4 minuti a 90°C
Tè nero: 3-4 minuti a 95°CLa cosa potrà sembrarvi strana, ma un tè di alta qualità può essere re-infuso più volte.

4. La temperatura di servizio

Non bisogna scottarsi sorseggiando un tè. È sempre bene bere il tè non troppo bollente.

5. Quando aggiungere il latte

È una questione di gusti, ma per un perfetto tè all’inglese sarebbe consigliabile aggiungere un po’ di latte nei tè neri, talvolta anche in alcuni tè aromatizzati, come l’Earl Grey e il Lapsang Souchong. È invece sconsigliato con i tè verdi.

6. Limone: sì o no?

Mai! Il limone uccide tutte le proprietà del tè perché molto aggressivo. Se proprio si gradisce l’aroma di agrumi, meglio utilizzare l’arancia.

7. Zucchero: quando e quale

Se proprio si vuole zuccherare il tè, il suggerimento è quello di utilizzare uno zucchero bianco, che ha un sapore più tenue. In linea generale, come per l’utilizzo del latte, è consigliabile non “condire” i tè più delicati, come i tè bianchi e la maggior parte dei tè verdi.

8. Come servire un perfetto tè all’inglese

Porcellana, vetro, terracotta… la scelta potrà sembrarvi una banalità, ma non lo è affatto. Ecco tutte le linee guida.
Per il tè bianco: teiera in vetro o porcellana; tazze in vetro o porcellana.
Per il tè verde cinese: teiera in terracotta, vetro o porcellana; tazze in vetro, terracotta o porcellana.
Per il tè verde giapponese: teiera in ghisa o porcellana; tazze in porcellana.
Per il tè oolong: teiera in terracotta, argento o porcellana; tazze in terracotta o porcellana.
Per i tè neri: teiera in argento; tazze in porcellana.

9. Quali cibi abbinare al tè

Se pensate che un tè si possa abbinare soltanto a qualche biscotto di pasta frolla vi sbagliate di grosso. Un tè all’inglese è un rito, un momento molto importante, dove ci si può sbizzarrire in una serie di abbinamenti che per noi italiani possono risultare insoliti.
È un discorso abbastanza complesso, ma anche in questo caso possiamo indicarvi qualche linea guida:
Tè bianco: questa tipologia è così delicata che si consiglia di non abbinare cibi, ma se proprio è necessario, sarà più adatto qualcosa di molto tenue nei sapori.
Tè verde cinese: si abbina bene a riso, carne bianca, insalate, dolci.
Tè verde giapponese: è ideale con pesce, verdure, formaggi caprini, riso.
Tè oolong: riso, formaggi e dolci sono l’accompagnamento migliore.
Tè neri: si sposano con i dolci.

10. Come conservare il tè

Il tè è molto delicato e si comporta come una spugna, pertanto va tenuto al riparo da luce, aria, calore, umidità… Va conservato in contenitori non “contaminati” con altri prodotti che possano alterarne l’aroma, con chiusura ermetica e non trasparenti.

Ora siete pronti per preparare un perfetto tè all’inglese. Ma se avete ancora qualche dubbio e volete approfondire la vostra conoscenza, vi consigliamo di partecipare a uno degli eventi organizzati da Babingtons, dedicati ai rituali del tè e a tutte le tradizioni legate a questa straordinaria bevanda.

tè e sandwich da babingtons

Noi qualche settimana fa abbiamo partecipato a uno dei tè vittoriani del lunedì. Immersi nella tipica atmosfera dei Victorian Tea Parties, abbiamo sorseggiato alcuni degli eccellenti tè selezionati da Chiara Bedini e Rory Bruce, accompagnati da piccoli muffin caldi al prosciutto e formaggio, deliziosi finger sandwiches, scones e tea cakes fatti in casa, brandy snaps al profumo d’arancia e infine la Victorian Traditional Cake… in sottofondo le note di un’arpa suonata dal vivo.


Leggi gli altri articoli della sezione Cultura Enogastronomica.

Commenti

  1. Caterina dice

    Quando sono a Roma, spesso per il lunch mi fermo da Babington e non di rado, prendo una Caesar salad , accompagnata da un te’ nero; mi piace tantissimo il tè Imperatore. In alternativa, quale altro tipo di te’ mi consigliate per la Caesar salad, considerando anche che siamo in inverno? Grazie

  2. Erica Battellani dice

    Ciao Caterina, ecco i consigli di Babingtons:
    “con la Caesar stanno bene il Darjeeling e il puerh, per rimanere sui tè in purezza. In alternativa il Colonial Chai, speziato e molto aromatico”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *