Osteria la Capagira

Indirizzo:via Voghera, 10 – 00176 Roma
Telefono:06 7012811
Sito internet:www.osterialacapagira.com
Giorno chiusura:lunedì
Fascia di prezzo:35 – 45 euro
Tipo di locale:trattoria di cucina barese
Carte di credito:Visa, Mastercard, bancomat
Andateci per:un viaggio in Puglia senza allontanarsi da Roma

LaCapaGira è il nome di un vecchio film di Alessandro Piva (1999), dove tutto parlava barese. Anche in questo piccolo ristorante del quartiere San Giovanni si parla il dialetto di Bari, in sala e nei piatti. Poco più di trenta coperti, per la verità un po’ stretti, più qualche altro posto nel dehors. Il locale è nuovo e colorato, come anche i piatti personalizzati con il nome della Capagira.

Si comincia di rigore con l’antipasto, abbondante secondo tradizione pugliese: gli immancabili latticini (burrata, nodini e ricotta) si accompagnano a qualche sfizio di mare, fra cui è facile trovare polipo e patate, un’alice fritta, una seppia grigliata. Già questo per qualcuno può essere sufficiente per fermarsi. Il consiglio è di continuare, ma con moderazione perché qui le porzioni sono davvero enormi. Meritano l’assaggio le orecchiette con le cime di rapa e, se si è fortunati, si trovano i maltagliati al nero di seppia pesto di rucola, moscardini, patate e pomodorini: spettacolari. Buona e sostanziosa la zuppa di pesce, asciutta e assortita la frittura. Per chi vuol prendere un singolo pesce basta chiedere e vi porteranno in esposizione un vassoio con il pescato del giorno da scegliere e mandare in cucina.

Cime di rapa e latticini vengono proprio dalla Puglia, il pescato da Anzio. Sono fatti in casa anche i dolci, anche quelli in porzioni da combattimento.

Si spende un po’, anche più di 50 euro a testa per un pasto completo dall’antipasto al dolce, ma considerate le porzioni è una sfida davvero inumana.

  • Valutazione: due_cuori_m

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *