Orlando sapori di Sicilia – Roma

orlando-sapori-di-sicilia
Indirizzo:via Sicilia, 41 - 00187 Roma
Telefono:06 42016102
Sito internet:www.ristoranteorlando.com
Giorno chiusura:nessuno
Fascia di prezzo:30 - 50 euro
Tipo di locale:trattoria
Carte di credito:tutte
Andateci per:per gli arancini e per i primi con le melanzane

Il ristorante Orlando si è trasferito in via Sicilia. I recapiti indicati nella scheda anagrafica – così come l’immagine del locale – sono aggiornati.

La cucina regionale, quando proposta lontano dal territorio di riferimento, è sempre scommessa difficile. E capita spesso di imbattersi in tentativi poco riusciti: ristoranti che si auto eleggono “tipici” e che finiscono col fare il verso a tradizioni culinarie delle quali, sul piatto, non resta che il nome.

Non così il ristorante Orlando, in via Mantova a Roma. Attenzione, gli appassionati di cucina siciliana non devono farsi ingannare dall’ambiente scarno e arredato alla svedese. Tavoli e sedie di legno laccato sono solo arredi, la cucina è quel che promette: decisamente mediterranea, con salse al pomodoro fresco e ortaggi, e una vocazione alle preparazioni di pesce.

Si comincia con l’aperitivo di panelle e sfincione. Tra gli antipasti ci siamo divertiti a provare la variazione di alici (beccafico a regola d’arte, buone anche quelle fritte) e un superbo vassoio di arancini misti. Si prosegue con i primi, eccellenti quelli che prevedono la melanzana: il bacio di Angelica (involtini di melanzane alla norma imbottite di linguine), i ravioli di pesce spada e melanzane. Meno entusiasmanti i ravioli al pistacchio, forse troppo salati. Tra i secondi abbiamo trovato originale la salsiccia di pesce spada, speziata e polposa, su caponatina. Per chiudere non deludono il perfetto al pistacchio e i cannoli, disponibili in varie pezzature e riempiti all’ultimo momento.

Se si ha poco tempo, a pranzo si può anche optare per la rosticceria: a fianco al ristorante da un paio di mesi ha infatti aperto la tavola calda-bar. Oltre a un’ampia scelta salata (arancini, parmigiane e involtini alla palermitana, ma anche primi piatti alla colatura di alici e la classica “Norma”), da non perdere i croissant imbottiti di ricotta e pistacchio.

  • Valutazione:due_cuori_m

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *