Monte Caruso

Indirizzo:via Farini, 12 - 00185 Roma
Telefono:06483549
Sito internet:www.montecaruso.com
Giorno chiusura:domenica
Fascia di prezzo:35 - 50 euro
Tipo di locale:ristorante
Carte di credito:tutte
Andateci per:i primi piatti e il profitterol

Presente da ormai trent’anni anni sulla scena romana, oltre al nome, passato da Cicilardone a Monte Caruso, questo locale non ha cambiato una virgola. E meno male, perché qui anche le peggiori abitudini anni ’80 brillano di una luce diversa. Pensiamo, ad esempio, al logoro e famigerato “tris di primi”. Dopo un antipasto composto da discreti salumi, è la migliore ordinazione che possiate fare. Gli assaggi sono in realtà quattro (“tris di primi più uno”), serviti in rapida sequenza: ai rigatoni all’amatriciana e i vermicelli cacio e pepe, molto buoni, si affiancano i primi della tradizione lucana, tra cui le orecchitelle, fatte a mano e condite al ragù e cacioricotta, le ciabatte con ricotta, pomodoro, basilico e parmigiano e i cauzuni, grandi ravioli ripieni di ricotta e verdura conditi con pomodoro e parmigiano.
I secondi piatti hanno nomi accattivanti:  si va dalle pezze pazze, ovvero fettine di manzo piccantine condite con salsa a base di origano e peperoncino, al filetto sette veleni, un filetto di manzo servito con salsa di tartufo e funghi porcini, passando per “GengisKan”, la tartara di filetto di manzo battuto al coltello con uovo e spezie.
Ma da Montecaruso bisogna conservare dello spazio per il dessert, specie se si è amanti del profitterol. Qui il dolce viene preparato al tavolo con un rito che ormai si è perfezionato negli anni e il prodotto finale è squisito, con i bignè ricoperti di cioccolata fusa e guarniti con panna fresca e amarene.

  • Valutazione: due_cuori

Commenti

  1. Filippo Farina dice

    Mi sembra assurdo dare solo 2 cuoricini ad uno che resta tra i migliori indirizzi, al di là di tendenze modaiole,del panorama gastronomico cittadino, prova ne è che continua ad essere recensito e fortemente raccomandato ai turisti stranieri dalle loro guide.

  2. Federico Iavicoli dice

    @Filippo: parlavo proprio ieri con l’autore dell’articolo, che mi diceva che sì, in fondo, due cuori e mezzo ci possan pure stare. D’altra parte, per cercare i ristoranti la Lonely Planet, ottimo prodotto, non è forse il top, e le guide italiane tengono da tempo in media se non scarsa considerazione questo indirizzo, che pure una certa schiera di affezionati, soprattutto a causa della bontà dei primi piatti. Io in questi casi invito sempre a leggere bene il sistema di valutazione. Due cuori di una trattoria romana non sono paragonabili a due cuori di un etnico, tanto per dire: questo è ben specificato, non confrontiamo locali di diversa tipologia.

  3. Filippo Farina dice

    Leggo solo adesso il tuo commento e devo assicurarti che mi era ben chiaro di non confrontare diverse tipologie di locali.
    Sarei meno sicuro della scarsa valenza delle guide straniere rispetto a quelle italiane a volte condizionate da fattori modaioli e affettivi, prova ne è che pare siano scomparsi ormai indirizzi come Taverna Giulia, Paris ed Evangelista.
    Comunque non mi sembra che Monte Caruso possa essere considerato meno della Capagira(sigh).Infine devo confessarti che mi trovo quasi sempre in linea con i tuoi giudizi, anche se devo riflettere sull’ ultima esperienza avuta da Pipero al Rex

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *