Giulia Restaurant – Roma

Giulia Restaurant Roma
Indirizzo:lungotevere dei Tebaldi, 4/A - 00186 Roma
Telefono:06 94892076
Giorno chiusura:nessuno
Fascia di prezzo:40-70 euro
Tipo di locale:ristorante
Carte di credito:tutte
Andateci per:il bollito croccante, scarola, polvere di capperi, prugna arrosto e fermentata

Entri, ordini e subito capisci che da Giulia Restaurant (nuova casa de lo chef campano-abruzzese Pierluigi Gallo, scuola Niko Romito) fanno le cose in grande.

Giulia Restaurant ha tutte le credenziali per diventare un locale di successo. Lo staff di sala è cortese e preparato. La carta dei vini di buon livello. Le materie sono selezionate tra importanti aziende e piccoli produttori. Dalla cucina arrivano piatti che dimostrano grande estro e che si muovono tra riusciti accostamenti (talvolta audaci) e grandi equilibri.

Giulia Restaurant Roma

Giulia Restaurant Roma

Stordiscono gli amouse-bouche: macaron alla mortadella, polpettina alla cicoria, marshmallow ruchetta e crema di alici (zuccheroso e goloso), biscotto ricotta di pecora e limone candito. Poi l’attesa si inganna con una pagnottina calda di patate e blend di farine e olio Quattrociocchi.

Ma veniamo ai piatti principali. È gradevole la “tracina marinata con fondo bruno, fagioli bianchi e rossi, sorbetto di cipolla rossa” (azzeccatissimo il binomio carne-pesce) ed elegante la “tartare di agnello di Scanno (grande materia prima) con tartufo estivo e maionese di agnello arrosto”. Delicatezza e coraggio sono il filo conduttore che lega i due piatti.

pennoni genovese giulia restaurant roma

Pennoni con genovese | Giulia Restaurant Roma

Ottime le paste: “bottoncini ripieni di pasta e patate, telline fresche e salicornia”; “pennoni con genovese, yogurt di capra e pannicolo arrosto”; “gnocco ripieno di spuntature con crema di datterino giallo (davvero gustosa), olio al basilico e stracciatella”. I secondi: “bollito croccante, scarola, polvere di capperi, prugna arrosto e fermentata”, a nostro avviso miglior piatto de la serata (la lingua è morbida, dal gusto elegante e raffinato), e “pancia di maiale glassata pera e cipolla, cicoria e sorbetto alla mandorla”.

Infine, complesso e fantasioso è il dolce, presentato direttamente dal pastry chef: è ottenuto estraendo con sapienza la parte zuccherina della zucca. Davvero buono.

La cucina di Pierluigi Gallo si dimostra davvero interessante: un riuscito mix di ricerca, inventiva e buona mano.

  • Valutazione: tre_picche_m

[Foto di Giulia Restaurant Roma]

 

SCOPRI GLI ALTRI RISTORANTI DI ROMA:

Tutte le recensioni a Roma



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *