Al via la Settimana della Birra Artigianale 2020: il Ballo delle Debuttanti e altri appuntamenti da non perdere

Settimana della birra artigianale 2020

Il panico da Coronavirus non blocca la Settimana della Birra Artigianale 2020, ormai ai nastri di partenza. Mancano infatti pochissimi giorni all’inizio della decima edizione del più grande “evento diffuso” d’Italia del settore birrario, che ha come scopo la celebrazione della birra di qualità, prodotta da birrifici indipendenti e artigianali.

Dal 2 all’8 marzo andrà in scena un ricco programma di degustazioni, cene con abbinamenti, incontri con i birrai, visite a impianti di produzione, presentazioni di nuove birre, offerte speciali e molti altri appuntamenti dedicati agli appassionati di produzioni brassicole.

Le singole iniziative sono organizzate in autonomia dai locali, ma sul sito settimanadellabirra.it sono segnalati i vari appuntamenti suddivisi per data e per regione.

La manifestazione, nata da un’idea di Andrea Turco, fondatore del blogzine Cronache di Birra, già questo weekend offre un assaggio di quanto succederà a partire dal 2 marzo. Da venerdì 28 febbraio a domenica 1 marzo, infatti, Eataly Roma ospita la Festa delle Birre Artigianali. Vero e proprio “evento nell’evento” è il Ballo delle Debuttanti, in programma alle 19.00 di stasera, venerdì 28 febbraio, quando Salvatore Cosenza (organizzatore dell’evento con Andrea Turco) presenterà 18 birre inedite di altrettanti produttori, che saranno alle spine della Festa per tutto il weekend.

ballo delle debuttanti settimana della birra 2020

Settimana della birra artigianale 2020 | Eventi in evidenza

Lunedì 2 marzo

All’Osteria numero 2 di San Giorgio Bigarello (MN) serata “Vino contro Birra” con un’unica azienda protagonista: Siemàn, di Villaga di Vicenza. Vini naturali e birre a fermentazione spontanea saranno abbinati a specialità gastronomiche.

Martedì 3 marzo

Cena con birre in abbinamento a La Salsamenteria di Vercelli.

Prima di tre serate sulle birre Trappiste a Venezia, un mini corso organizzato da Venice Beer Masterclass.

Mercoledì 4 marzo

Visita all’impianto e degustazione presso i birrifici: Il Baldo Birraio, a Costermano sul Garda (VR) e Ibeer di Fabriano (AN).

A Campagnano di Roma, AgriLab, birrificio ed Azienda agricola presenta le sue debuttanti: evoluzioni sperimentali della loro linea classica.

Giovedì 5 marzo

Ad Altamura, la Bottega del Luppolo ospiterà il birraio di Birrificio Mastino con 7 spine dedicate alle sue creazioni.

Venerdì 6 marzo

La Birroteca di Potenza, organizza una degustazione di Saison con il birraio del Birrificio Basilisca, mentre il beer sommelier Gerardo Romano introdurrà gli ospiti al mondo del Lambic.

Birre acide alla mescita anche al Maratonda di Verona, con selezione di fermentazioni spontanee direttamente dal Belgio.

All’Hopside di Roma, invece, serata con il birraio di Birra del Doge.

Sabato 7 marzo

Due tap takeover in Campania: a Caserta presso La Quinta Pinta, le spine saranno appannaggio esclusivo di PicoBrew, mentre a Torre Annunziata al Craft 27, arriveranno i ragazzi del birrificio marchigiano Babylon.

Il sabato è anche giornata di porte aperte nei birrifici aperti: a Forgaria nel Friuli (UD) Birra Garlatti Costa visita con il birraio e possibilità di assaggi. Stessa cosa succederà in Liguria: a Savona da BEdreamER e a Genova da Maltus Faber. In Lombardia, Rogno (BG), si terrà un laboratorio sulle materie prime presso il Birrificio Agricolo Pagus. Promettono sorprese i ragazzi del Birrificio Trunasse di Centallo (CN): cotta pubblica e un gustoso BBQ.

Anche Ritual Lab (Formello – Roma), fresco vincitore del prestigioso titolo di Birrificio dell’anno 2020, organizza per curiosi e appassionati una cotta pubblica.

Domenica 8 marzo

Nella mattinata della domenica conclusiva della Settimana della Birra Artigianale 2020 sessione di Beer Yoga nel cortile del birrificio Cantaloop di Cantalupo nel Sannio (IS)

Presso Edit di Torino il pomeriggio sarà dedicato alla conoscenza delle IGA, birre caratterizzate dal forte legame con il mondo dell’Uva e del Vino.


Leggi le altre news enogastronomiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *