Faenza diventa palcoscenico del presente e del futuro della cucina italiana: la trattoria

tutti-pazzi-in-citta
Per tre giorni – 6, 7 e 8 settembre – Faenza è il cuore della cucina popolare, rappresentata dalle trattorie. È la prima edizione di ‘Tutti pazzi in città‘, evento che vede confluire 9 trattorie da tutta Italia (Campania, Sardegna, Lazio, Abruzzo, Friuli, Basilicata ed Emilia Romagna), scelte tra quelle più vicine alla filosofia della cucina popolare di qualità e di valorizzazione della filiera. Dalle 18,30 sino alle 23,30 piazza Nenni (ex Molinella) si trasforma in una grande trattoria all’aperto con 400 posti a sedere, i vini in degustazione di 30 aziende, incontri e momenti culturali.
Per ogni giornata della manifestazione saranno 3 trattorie a servire al pubblico i loro piatti. Si comincia venerdì 6 con Alberto Bettini, di Amerigo (Savigno – BO), Gostilna Devetak dell’omonimo locale di San Michele del Carso (GO) e Pasquale Torrente di Al Convento (Cetara – SA). Sabato 7 sarà invece il momento di Giovanni e Gennaro d’Ignazio della La Vecchia Marina (Roseto degli Abruzzi – PE), Roberto Serra di Su Carduleu (Abbasanta – OR) e Peppe De Marco, Da Peppe (Rotonda – PZ). Mentre, per la chiusura di domenica 8 saranno di scena Franco Cimini, Osteria del Mirasole (San Giovanni in Persiceto – BO), Arcangelo Dandini, L’Arcangelo (Roma) e la famiglia Spadone, che divide la sua attività tra il ristorante La Bandiera e l’Osteria La Corte (Civitella Casanova – PE).
Naturalmente non manca il vino. Il pubblico avrà a disposizione un calice, un catalogo-cartina di Tutti pazzi in città, una tracolla porta calice, 5 contromarche degustazione (costo 5 euro). In degustazione vini delle trattorie e di 30 aziende romagnole. Spazio anche per un prodotto che nella trattoria italiana la fa da padrone, l’olio extravergine d’oliva. La sezione a lui dedicata si chiama: “Genius Loci”.
Ma non è tutto. “Degusti”, l’associazione dei ristoratori faentini, organizzerà merende e spuntini in diversi luoghi della città, e venerdì 6 Evan Lurie in concerto al museo Carlo Zauli (in collaborazione con Strade Blu e distretto A), act musicale preceduto da cocktail e apertivi del barman Antonello. Invece al MIC, (sabato 7), dopo una visita guidata alla mostra “Premio Faenza”, musica popolare con “Bowing on the wind”, con l’ensemble formata da Fabio Petretti, Igor Buscherini, Michela Zanotti, Anselmo Pelliccioni, Paolo Ghetti.
La manifestazione coinvolgerà tutta Faenza. La pizzeria “‘O Fiore mio” di Matteo Tambini e Davide Fiorentini offrirà un menu con pizze create appositamente per “Tutti Pazzi in città” e il ristorante “Cà Murani” piatti a base di carni del consorzio “Il magnifico” di Valle del Bidente. Mentre nei negozi del centro cittadino, dalle ore 16.00, si svolgeranno degustazioni, assaggi e presentazioni di libri.
‘Tutti pazzi per la città’ è promosso da Faenza Fiere con il sostegno del Comune di Faenza e in collaborazione con la Cabina di Regia (il gruppo di lavoro che coinvolge le associazioni di categoria Confcommercio, Confesercenti, CNA e Confartigianato ed il contributo della Camera di Commercio di Ravenna).
Programma della manifestazione e degli venti su http://www.tuttipazziincitta.it/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *