Oli d’Italia 2012 del Gambero Rosso

olive
Presentata nel corso di Vinitaly la seconda edizione della guida di Gambero Rosso Oli d’Italia 2012, dedicata ai migliori oli extravergine italiani.
Con l’aumento della qualità complessiva dei prodotti, con 300 aziende recensite e con quasi il doppio degli oli che hanno guadagnato le Tre Foglie, la seconda edizione della guida Oli d’Italia 2012 è ancora più ricca di informazioni utili per orientare i consumatori nella scelta dell’etichetta giusta e per dare ai produttori il giusto riconoscimento per il loro impegno.

Segno di un settore in crescita sul quale si investono sempre più risorse e intelligenze, quello dell’olio extravergine d’oliva è un percorso in ascesa che questa seconda edizione sottolinea in maniera particolare. Realizzata con la collaborazione di Unaprol, consorzio olivicolo e la sua Filiera Olivicola Italiana e il sostegno del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali, questa guida accompagna il lettore nella variegata offerta di eccellenza dei nostri territori. Raddoppiate infatti, per ogni regione, le segnalazioni dei migliori luoghi dove mangiare, dormire e comprare nelle vicinanze delle aziende ma anche dove godere dell’ospitalità dei produttori stessi.
image001
E poi il racconto dei luoghi, gli abbinamenti ideali con i suggerimenti dei grandi chef, le informazioni tecniche e storiche dell’azienda e le analisi sensoriali sugli oli.
Sono ben 138 gli oli premiati con le Tre Foglie, contro i 74 della scorsa edizione, il massimo riconoscimento della guida all’eccellenza made in Italy e che rispettano in tutto e per tutto il disciplinare Unaprol I.O.O% Qualità Italiana, i cui stretti parametri chimici e organolettici garantiscono al consumatore provenienza e qualità.
Al primo posto la Toscana con 22 Tre Foglie, seguita dalla Sicilia con 18, dal Lazio e dall’Umbria con 17, e poi la Puglia con 15, la Campania con 12, l’Abruzzo con 9, la Liguria con 6, le Marche e la Calabria con 4, la Sardegna e il Veneto con 3, il Trentino Alto Adige, il Friuli Venezia Giulia e l’Emilia Romagna con 2, e il Molise e la Lombardia con 1.
Dieci i premi speciali attribuiti al Miglior fruttato leggero, miglior fruttato medio, miglior fruttato intenso, miglior extravergine biologico, miglior rapporto qualità prezzo, migliore bottiglia, miglior monocultivar, migliore azienda e miglior extravergine da ristorazione votato da una giuria di chef rappresentativi di alcune delle maggiori regioni olivicole italiane.
Aggiunta anche la categoria degli oli con miglior rapporto qualità prezzo, con la Puglia al primo posto con 27 prodotti, seguita dal Lazio con 21 e dalla Campania con 16.
 

Clicca qui per scoprire tutti i premi della guida Oli d’Italia 2012.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *