Nascono i “Kit di Sopravvivenza Enocratica”

Sono stati presentati ieri a Milano i “Kit di Sopravvivenza Enocratica”, realizzati da Pastificio dei Campi in collaborazione con Enocratia e Gianluca Biscalchin

kit sopravvivenza_enocratica
Enocratia è il Governo del Vino: un locale di Milano (via Sant’Agnese, 14) nato dall’idea di valorizzare prima di tutto il vino, quello bio, naturale, rispettoso dell’uomo e dell’ambiente. La formula è semplice: viene data una lista di vini, si sceglie l’etichetta e lo chef abbina una ricetta a sorpresa. Ai fornelli c’è Eugenio Boer, chef di talento con una mano particolarmente elegante sulla pasta, che sa osare quando serve e che ha una grande sensibilità anche negli abbinamenti più arditi.
Il Pastificio dei Campi è un’azienda giovane, nata dall’esperienza di Giuseppe e Giovanna Di Martino – pastai di terza generazione –, che fa dell’artigianalità e della trasparenza la propria bandiera, producendo Pasta di Gragnano IGP realizzata con il migliore grano duro biologico italiano, trafilata al bronzo, essiccata lentamente a bassa temperatura e confezionata a mano in scatole di cartoncino alimentare, la cui filiera produttiva è totalmente tracciabile grazie al Total Tracking System disponibile sul sito www.pastificiodeicampi.it
Dall’incontro fra Enocratia e Pastificio dei Campi, fra le idee, la filosofia e la passione di Davide e Anna e di Giuseppe, sono nati i “Kit di Sopravvivenza Enocratica“. L’idea è quella di portare in tavola la passione e lo sforzo di chi ama la terra e i suoi frutti, affermando con forza che è “Questione di Sopravvivenza”, prima per la Terra e per i suoi prodotti, poi anche per l’uomo.
Una sera Davide pensò a 5 vini-uomini-territori ed Eugenio creò 5 ricette con prodotti-territori-uomini, i cui più importanti ingredienti si potevano racchiudere in una scatola col formato di Pasta dei Campi abbinato da Giuseppe. Un’altra persona si unì al progetto, un giornalista con la passione per la cucina e l’hobby dell’illustrazione, Gianluca Biscalchin. A lui è stato chiesto di “animare” le scatole, di “vestire” l’idea.
Oggi sono 6 i Kit di Sopravvivenza Enocratica, racchiusi nelle scatole illustrate da Gianluca Biscalchin: 6 le ricette, 6 i vini, 6 i formati di Pasta dei Campi in abbinamento. 100 pezzi numerati per ogni kit, una riserva speciale per gourmet.
In totale 600 “Razioni K” per una sopravvivenza gustosa e rispettosa della natura, per i 600 fortunati sopravvissuti che se li aggiudicheranno! Di ogni 100 kit, 60 saranno in vendita da Enocratia, mentre i restanti saranno disponibili sullo shop online del Pastificio dei Campi: http://www.pastificiodeicampi.it/shop.html
Ecco i Kit di Sopravvivenza Enocratica:
1) Spaghetti di Gragnano Pastificio dei Campi, tè nero Lapsang Souchong, patate allo zafferano e ricci di mare con Grillo di Nino Barraco;
2) Eliche di Gragnano del Pastificio dei Campi con SP 68 di Arianna Occhipinti;
3) Calamarata di Gragnano Pastificio dei Campi, fagioli borlotti di Carnia e speck di Sauris con Schioppettino di Bressan Mastri Vinai;
4) Bucatini di Gragnano Pastificio dei Campi, spinaci, salsa di acciughe e Mozzarella di Bufala Campana in carrozza con Particella 928 di Cantina del Barone;
5) Conchiglioni di Gragnano Pastificio dei Campi, Tre Latti di Paolo Piacenti, broccoli e funghi pioppini con Assolto di Redondèl;
6) Linguine di Gragnano Pastificio dei Campi, Cozze, Pomodoro fresco e Pesto Genovese di Roberto Panizza con Capovolto de La Marca Di San Michele.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *