Caffè Babilonia

caffè-babilonia

di Marsha Mehran – ed. Neri Pozza

Un romanzo in salsa mediorientale, dove i problemi legati all’immigrazione e all’incontro con nuove culture si mescolano con le vicende personali, e dove ogni momento è scandito da un profumo, da una spezia, da una ricetta.

Marjan Aminpour, insieme alle sorelle minori Bahar e Layla, è fuggita dall’Iran khomeinista, stabilendosi prima a Londra e poi in Irlanda. Qui decidono di aprire un locale dove proporre le ricette tipiche della Persia, portando una ventata di novità (e anche un po’ di scompiglio) nel villaggio di Ballinacroagh. Fra zuppe di lenticchie o di melagrana, samovar di tè, baklava e orecchie di elefante non tutto fila sempre liscio, ma alla fine le sorelle Aminpour riescono ad integrarsi con la comunità irlandese.

Un romanzo complessivamente piacevole, anche se a volte un po’ lento e poco avvincente. Poi, se proprio la lettura vi annoia, potete sempre provare le ricette che introducono i capitoli…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *