Borgogna. Le vigne della Côte d’Or

Borgogna. Le vigne della Côte d'Or

Tutto quello che avreste voluto sapere sulla Borgogna e non avete mai osato chiedere

Difficile dire qualcosa di originale sull’ultimo libro di Armando Castagno, “Borgogna. Le vigne della Côte d’Or” visto che tutti ne hanno scritto, e scritto bene e in maniera approfondita. Mi limiterò quindi a parlare dei benefici effetti che mi ha procurato.

Io, come molti altri, l’ho ordinato in prevendita e l’ho visto arrivare a casa i primissimi giorni di dicembre – e qui va segnalato già un primo effetto benefico: visto che abito al quinto piano di un palazzo senza ascensore, scendere per ritirare il volume e soprattutto risalire portando gli oltre quattro chili del suddetto mi ha fatto bene all’apparato cardiovascolare e mi ha fatto anche perdere un po’ di peso – per poi lasciarlo sul tavolo e di tanto in tanto guardarlo “avec stupeur et tremblements” prima di avere il coraggio di aprirlo e cominciare a sfogliarlo. Ça va sans dire: da vero recensore non l’ho letto tutto (d’altra parte dovrei anche vivere, bere, lavorare insomma) ma credo che questo non sia un vero problema – ecco il secondo effetto benefico: non mi sento in colpa a scrivere di un libro che non ho letto da cima a fondo – visto che è un libro perfetto da leggere saltabeccando qua e là tra le sue millanta pagine, passando dalla descrizione puntuale e approfondita di un Grand Cru a quella di un semi-sconosciuto lieu-dit, sia dal punto di vista viticolo che da quello storico, geologico e climatico.

Borgogna di Armando Castagno

Borgogna. Le vigne della Côte d’Or

Qualche piccola dritta. Che siate un semplice appassionato o un grande conoscitore della Borgogna, non saltate a pié pari (e neanche dispari, se è per questo) la prima parte intitolata “Temi generali”, talmente ricca di informazioni da poter essere considerata da sola un vero e proprio libro. Divertitevi con le indagini toponomastiche, degne di un “uomo rinascimentale” (o della signora Fletcher, a voi la scelta), e non dimenticate di consultare la descrizione delle annate se volete sapere quando aprire quella vecchia bottiglia di Gevrey-Chambertin che avete in cantina.

Per il resto, che dire? È senza dubbio il libro più completo sulla Côte d’Or mai uscito, e non solo in lingua italiana, un libro che mancava e che tutti gli appassionati dovrebbero avere. L’ultimo effetto positivo che mi ha procurato è simile a quello che Umberto Eco ha chiamato “effetto fotocopie”: anche solo avendolo in libreria mi sono sentito molto più colto, in grado di disquisire in modo mirabile di filologia e viticoltura borgognona. Figuriamoci leggendolo!

Borgogna. Le vigne della Côte d’Or. Di Armando Castagno | Fotografie di Andrea Federici | buongiornovino.com | 100 €

Leggi gli altri articoli della sezione Letture

Scopri le storie di vino di Via dei Gourmet

Sei in partenza per la Borgogna? Ecco la guida gastronomica di Beaune



Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *