Motus – Napoli

motus-napoli
Indirizzo:piazza Municipio, 5/6 - 80133 Napoli
Telefono:081 5520262
Sito internet:www.motusinweb.it
Giorno chiusura:domenica (sempre aperto il bar)
Fascia di prezzo:30 - 35 euro
Tipo di locale:ristorante
Carte di credito:tutte
Andateci per:i divertenti murzilli d'autore e i fantastici dolci di Marigliano

A due passi dal Municipio di Napoli e dall’imponente Maschio Angioino, un locale “sempre in movimento”, aperto dal primo mattino alla sera con le sue diverse anime: bar, pasticceria, gelateria, champagneria, ristorante. Troppe cose per farle tutte bene, dite? Può essere, ma dipende sempre da chi c’è dietro.

Qui per esempio, a gestire la sala c’è Agostino Cacace, per tanti anni al Radici – uno dei primi ristoranti che hanno provato a far soffiare una ventata d’aria nuova sulla ristorazione cittadina. In cucina, dopo la parentesi affidata a Giuseppe Guida del ristorante Nonna Rosa di Vico Equense, che ha introdotto la riuscita formula dei murzilli d’autore, è da poco arrivato il bravo Gioacchino Catalano, che ha messo insieme esperienze in tutta Italia, dal Savini di Milano al lussuoso Grand Hotel Cala di Volpe, a Porto Cervo. Il reparto pasticceria-cioccolateria poi è affidato a Pasquale Marigliano, tra i migliori d’Italia, famoso per la bellezza – oltre che la bontà – delle sue creazioni.

Insomma, i “numeri” ci sono e venendoci a cena – a pranzo c’è la formula del piatto unico a 10 euro, e ci pare una bella idea perché politici e assessori hanno altro da fare che stare a tavola due ore – non ve ne pentirete.

Il consiglio è appunto di aprire con i murzilli d’autore che volendo tradurre – ma si sa, il napoletano è spesso una lingua intraducibile – suonerebbe un po’ come “assaggini”. Meglio murzilli, no?! E allora, via con gli otto buonissimi piattini che cambiano – come il menu – in base a stagione e mercato. Per esempio, il polpo in insalata con carciofi e lavanda, il vasetto di lenticchie con vongole veraci e scorza di limone, l‘alice fritta con ricotta e salsa alla scapece, il pacchero ripieno di ricotta e salame panato e fritto, la crocchetta di verdure, la tenera polpetta con fagioli borlotti. Se volete proseguire potete scegliere tra due o tre primi e altrettanti secondi (la cucina a vista è bella ma mini e tutte le preparazioni sono espresse): buoni per esempio gli strascinati con gamberi e caviale di melanzane e il trancio di palamito con scapece.

Per chiudere, naturalmente, i dessert a tutto cioccolato di Marigliano. Anche sorbetti e gelati artigianali sono ottimi, e valgono una sosta anche tutta dedicata a loro. Da bere diverse etichette di pregio di Champagne e Franciacorta e una bella scelta di vini da tutta Italia. Keep on movin, cantava Pino Daniele. Eh sì, pure lui.

  • Valutazione: tre_picche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *