L’Angolo d’Abruzzo – Carsoli

l-angolo-d-abruzzo-carsoli
Indirizzo:Piazza Aldo Moro, 8 - 67061 Carsoli (AQ)
Telefono:0863 997429
Sito internet:www.langolodiabruzzo.it
Giorno chiusura:lunedì
Fascia di prezzo:60 - 80 euro
Tipo di locale:ristorante
Carte di credito:Visa, Mastercard, Bancomat, Postepay
Andateci per:la cucina abruzzese in chiave gourmet e i piatti a base di funghi e tartufi, in stagione

Tra tanti locali moderni e senza identità e nuove aperture che durano poche stagioni, è bello sapere che c’è chi riesce a dare certezze e a mantenere una forte continuità con il passato senza che questo voglia dire essere “vecchi” o restare indietro.

Lanfranco Centofanti e Maria Teresa Lucangeli aprirono questo “angolo di Abruzzo” – ma abbastanza vicino a Roma da invogliare a fare una gita anche serale, magari per andare a mangiare funghi e tartufi nel periodo adatto – nel 1986.

Oggi sono i figli Valentina (in sala) e Valerio (in cucina) ad essere i principali artefici del ristorante, ma Lanfranco resta sempre dietro al banco ad affettare prosciutti e a badare alla griglia, da cui arrivano molti dei piatti in menu, e il giovane chef riesce perfettamente ad incarnare la tradizione della cucina abruzzese di montagna, quella più povera e dura, trasformandola in piatti gustosi, curati ma volutamente essenziali. Anche l’ambiente e il servizio – nonostante la cura nel tovagliato e la professionalità – mantengono un ché di rustico che rende ancor più piacevole l’esperienza.

Alle porte dell’autunno, abbiamo iniziato con un assaggio di prosciutto abruzzese del Parco della Maiella tagliato a coltello e con degli squisiti porcini alla griglia per proseguire con primi piatti ricchi e gustosi ma equilibrati come le fettuccine al grano Solina con ragù Abruzzese alle tre carni e pecorino dell’Alta Valle del Turano e le ottime pappardelle alla pecora “ciavarra” (cioè l’animale giovane) con pecorino dell’Alta Valle del Turano.

Ma sono stati i secondi a catturarci, con un mix irresistibile di cotture arcaiche, profumi di montagna e tecnica d’esecuzione: l’agnello a quattro mani allevato lungo le sorgenti del Turano, e ancora la pecora “ciavarra” agliù cutturu con spezie d’alta montagna e cicoria di campo, un trionfo di profumi e sapori. Per chi preferisce, le ottime carni locali sono proposte anche cotte alla griglia, sempre a vista.

Da bere si può scegliere dalla fornitissima cantina approfittando anche delle numerose proposte al calice. Troppo sazi per un dessert, non siamo riusciti a resistere alla deliziosa piccola pasticceria, creativa al punto giusto.

  • Valutazione: tre_picche_m

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *