El Coq – Marano Vicentino

ristorante-el-coq-marano-vicentino
Indirizzo:via Canè, 2/C - 36035 Marano Vicentino (VI)
Telefono:0445 1886367
Sito internet:www.elcoq.com
Giorno chiusura:domenica e lunedì a pranzo
Fascia di prezzo:70 - 100 euro
Tipo di locale:ristorante
Carte di credito:tutte
Andateci per:provare emozioni insolite

Aggiornamento del 15/05/2016: El Coq, il ristorante di Lorenzo Cogo a Marano Vicentino, a metà luglio si sposterà a Vicenza, nella sede dello storico Caffè Garibaldi.


 

Lorenzo Cogo: il coraggio e la forza delle idee!

Lorenzo Cogo è un ragazzo. Uno di quelli con la faccia pulita che, nonostante un po’ di barba, dimostra qualche anno in meno dei suoi ventotto. Se lo senti parlare è un vulcano in eruzione, grazie alle sue importanti esperienze in giro per il mondo (tra cui tanto Oriente), ma soprattutto alle sue idee, alle suggestioni che lo portano oltre i confini dell’ordinario. La cucina di Lorenzo Cogo, nel suo ristorante El Coq, è infatti una cucina vibrante, in cui l’istinto si fonde con le idee, l’improvvisazione con il progetto, l’equilibrio con il “rumore”.

La ricerca dei contrasti lo conduce a proporci un dolce che è l’antitesi di come immagineremmo un dessert, ovvero una torta di mele con daikon e carbone, di un’amarezza traumatica, un atto violento per il palato, un grande punto interrogativo per la mente e un’emozione indelebile. Una portata che rappresenta meglio di qualsiasi disquisizione teorica la cucina di Cogo. Siamo forse oltre il confine del buono e non buono, equilibrato non equilibrato, siamo in una dimensione concettuale dove si ricercano nuove sintesi, come nel risotto con la senape e il bitter, che resterà nei nostri ricordi a lungo per l’inedita quadratura acida e per i tenebrosi cromatismi.

Guizzi di creatività, a seguire, nei finti sedanini di pasta che sono invece realizzati con gambi di prezzemolo e spinaci con burro di capra e lumachine di terra. Poi il piatto più riuscito: lo sgombro affumicato in acqua di pomodoro e wasabi, geniale per la straordinaria unione dell’affumicato con la pulizia del pomodoro. Dopo qualche portata sarete in balia dello chef, della sua personalità e del suo coraggio, e attenderete con trepidazioni tutte le portate, rigorosamente misteriose, perché non indicate nel menu. A questo punto riuscirete a inquadrare anche alcuni piatti che giocano sul disequilibrio, come la straordinaria crema di patate con i cannolicchi, aneto e paprika, un divertissement di consistenze sferzate da un “eccesso” di affumicatura, che in realtà non è un eccesso ma è il gioco nel quale siamo proiettati. Infine l’omaggio alla barbabietola, con gelato allo yogurt e fondo di tapioca. Un piatto dove, un po’ alla volta, si rivelano il dolce e il salato, la terrosità, le diverse consistenze e le diverse temperature.

Il resto dell’esperienza, fatto di gestione della sala e di servizio, sembra restare in secondo piano: le imperfezioni e i peccati di gioventù riscontrati, alla fine, risultano parte del gioco. Carta dei vini in divenire. Essendo il menu a sorpresa, ci siamo orientati su un vino trasversale, e abbiamo scelto lo Champagne “Les Roises” della Ulysse Collin, un blanc de blancs di carattere, che tuttavia nel nostro bicchiere aveva perso un po’ di freschezza e di nerbo.

P.S. Da martedì a sabato pranzo “bistrot”.

  • Valutazione: tre_picche_m

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *