Berberè Milano: nuova apertura dei fratelli Aloe

Berberè Milano
Indirizzo:Via Sebenico, 21 - 20124 Milano
Telefono:02 36707820
Sito internet:www.berbere.it
Giorno chiusura:nessuno

Berberè è il concept di pizza dei fratelli Aloe, Salvatore e Matteo, che credono nella semplicità, nella forza degli ingredienti buoni e genuini e nella ricerca e formazione, continua e di squadra. Su queste basi hanno fondato 4 locali dal 2010 a oggi, cui va aggiunto il temporary restaurant di EXPO2015 in collaborazione con Alce Nero, uno degli spazi di ristorazione di maggior successo di tutta l’esposizione universale di Milano.

Berberè Milano: location e concept

Berberè Milano ritratti

Ora i due fratelli calabresi hanno deciso di aggiungere in maniera duratura la capitale menghina alla loro lista, con la nuova Berberé pizzeria di via Sabenico, nel quartiere Isola, a un passo dall’omonima fermata della metro lilla, all’ex Circolo Filippo Sassetti. La scelta del posto non è causale, dato che nella filosofia gastronomica degli Aloe è componente importante la convivialità, che sta anche alla base del concetto di circolo. A dimostrazione di ciò, tutte le pizze arrivano ai tavoli già tagliate in 8 spicchi con la quantità di condimento perfetta per ogni singola fetta, in modo che sia ancora più facile condividerle con gli amici e assaggiare più gusti senza appesantirsi.

Impasti, condimenti e menu

pizza alla zucca

Fortunatamente non è solo la condivisione a rendere la pizza più leggera, anzi gran parte del merito è dovuto alla lenta lievitazione, adattata all’impasto, che la rende estremamente digeribile. Quest’ultimo è un mix di lievito madre e di farine biologiche semintegrali macinate a pietra, frutto della sperimentazione e della ricerca sviluppata assieme ad Alce Nero, leader nei prodotti bio in Italia.

Per quanto riguarda i condimenti, non aspettatevi un menu infinito, tutt’altro: le parole d’ordine sono stagionalità e conoscenza, conoscenza del prodotto dal concepimento alla consegna, come il Fiordilatte bio Querceta, il Pomodoro fiaschetto di Torre Guaceto, o l’origano selvatico di un piccolo produttore calabrese e stagionalità che prevede un cambio di menu con il cambiare delle stagioni.

Nel menu anche 6 “cicchetti”, piccoli assaggi sfiziosi come il crostino di pane e ‘nduja di Spilinga o burrata acciuga origano e pochi semplici dolci prodotti artigianalmente.

Il beverage

Il beverage segue lo stesso concept del food: i vini sono scelti tra di piccoli produttori indipendenti che producono in maniera biologica e biodinamica e le birre, quasi esclusivamente in bottiglia, sono tutte artigianali. E l’acqua? È quella del sindaco, depurata e, all’occorrenza, arricchita di anidride carbonica.

Il forno e le pizze

pizza al prosciutto

Altra peculiarità di Berberè Milano è il forno. Abbandonata l’idea del forno a legna per via delle nuove normative vigenti in materia, per il loro ultimo locale i due fratelli hanno deciso di avvalersi dello stesso forno con piano cottura rotante utilizzato per EXPO, che permette un maggior controllo della temperatura e quindi della cottura dell’impasto.

Ma parliamo delle pizze! Lo stomaco conferma l’elevata digeribilità dell’impasto, percepibile già al primo morso e le papille apprezzano la scelta degli abbinamenti semplici ma armoniosi. E non v’inganni l’occhio nel vedere le dimensioni della pizza nel piatto: l’impasto, meno steso e più spesso, è lo stesso di una classica pizza “larga”. Ottimo anche il cornicione che risulta croccante ma mai secco né bruciato, grazie allo speciale forno elettrico.

Il design

berberè milano il locale

Ultimo ma non ultimo, un cenno sul design del locale: l’agenzia Comunicattive e lo studio Rizoma Architetture, che seguono i fratelli Aloe da qualche anno nelle loro nuove aperture, hanno sviluppato un concetto architettonico e creativo “site specific”, ovvero che non sconvolga, bensì incorpori al meglio, la realtà precedente del locale con la sua nuova veste di pizzeria.

Berberè Milano ambiente

Si è creato così un ambiente diviso in tre spazi distinti, ma con un corridoio che li tiene uniti come una spina dorsale, con i pavimenti originali del circolo del 1911, diversi per ogni stanza, e un funzionale bancone di marmo che divide la cucina (a vista) dal resto del locale, dove i clienti possono anche appoggiarsi per mangiare come a un bancone del bar; i mobili originali degli anni ’50-’60, i tavoli in formica verde acqua e le sedie stile baumann sono un altro chiaro richiamo al circolo, che culmina nei manifesti appesi alle pareti, creati a partire da foto d’epoca fornite dal circolo stesso.

Sicuramente il locale è interessante e siamo curiosi di tornarci quando avrà iniziato il rodaggio dopo l’inaugurazione ufficiale.

Gli orari di Berberè pizzeria:

Da lunedì a venerdì alle 19.00 alle 23.30.
Sabato e domenica dalle 12.30 alle 14.30 e dalle 19.00 alle 23.30.

P.S. Questa non è una recensione ma il racconto di una serata riservata alla stampa.

[Credits fotografici: Francesca Sara Cauli]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *