Birra e alta cucina al Perbellini di Isola Rizza

ristorante perbellini isola rizza

La birra è la grande protagonista di una speciale serata degustazione al Ristorante Perbellini Isola Rizza.

Per “Evoluzioni di Birra”, che si terrà giovedì 7 aprile presso il ristorante stellato della Bassa Veronese, la squadra di Paola Secchi porterà in tavola un menu di 7 portate, accompagnate da una selezione di birre-culto.

Il Caviale di aringa su battuto di topinambur grigliati ed emulsione d’uovo alla liquirizia sarà accompagnato dall’aroma fruttato della Belga Deus Brut Des Flandres (Bosteels, 2014). La connazionale Lambicus Tradition Blanche di Timmermans, speziata al coriandolo e con bucce d’arancia seccate, verrà servita con il “Come un sushi di gamberi di fiume e seppie”. Per il risotto mantecato alla crema di peperoni allo spiedo, vaniglia Bourbon e lime il sommelier Fabrizio Franzoi proporrà la Calibro 7 APA del Birrificio Perugia, una birra luppolata a freddo con 7 luppoli diversi, cui seguirà la bavarese Müllerbräu Altbayrisch Hell (riconosciuta nel 2014 a Denver, Colorado la «Miglior birra Hell al mondo») con gli agnolotti ripieni di cremoso alle acciughe, stracchino e consommé di pomodoro e lemongrass. La fruit beer belga Kasteel Rouge (Br. Van Honsebrouck) condirà con l’aroma di ciliegia, cioccolato e pepe il pettorosa d’oca su macedonia di castraure, ananas e nipitella. La selezione di formaggi verrà presentata con la versione “selvaggia” della Tripel Ale di Straffe Hendrik, la Wild Brugs Tripel Bier, e, per finire con il tricolore, la sarà la Xyauyù Fumè 2011 della piemontese Baladin, maturata 12 mesi nelle botti da whisky scozzese delle Islay, a dare un tocco liquoroso al dessert Cioccolato, Pera & Cardamomo.

Il costo della cena “Evoluzioni di Birra” è di 95,00 euro a persona.

Per maggiori informazioni e prenotazioni:

Ristorante Perbellini
Via Muselle, 130 – 37050 Isola Rizza VERONA
Tel. 045 7135352
www.ristoranteperbellini.it

Leggi tutte le ultime notizie enogastronomiche su: www.viadeigourmet.it/categoria/news

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *