Gli appuntamenti di Slow Food a Expo 2015 nella settimana dal 22 al 28 giugno

slow-food-expo-2015

Ecco i principali incontri di Slow Food a Expo 2015 nella settimana dal 22 al 28 giugno, ospitati dal Padiglione Slow Food nella Piazza della Biodiversità.

Lunedì 22

Slow Wine – Appuntamento a cura della Fisar – Le Americhe

Ore 16.30: L’incontro, a cura della Fisar, verterà sulla storia delle viti e del vino delle Americhe, soffermandosi in particolare sull’importante sviluppo vitivinicolo di paesi in grande espansione, come il Canada con i suoi eiswein, gli Stati Uniti con i suoi meritage, il Cile con i suoi antichi vitigni, l’Argentina e l’Uruguay.
Intervengono Rosanna Soldà e Oriella Marchesini, docenti Fisar.

Blue Food: Green Future?

Ore 18: Nell’anno dell’Expo, non si poteva non parlare anche di mare, presentando un progetto interamente dedicato alle risorse alimentari legate al mare e agli ecosistemi delle acque dolci. La gestione delle risorse marine, infatti, si fonda prima di tutto sulla conoscenza dei meccanismi biologici dei mari, le cui radici si possono rintracciare nei modi di vita delle popolazioni di pescatori. Un progetto nato nell’Acquario Civico di Milano, con la partecipazione di Ism (Istituto per gli Studi sul Mare), Verdeacqua Onlus, Wwf, Slow Food Milano e Slow Food Lombardia, Greenpeace gruppo locale Milano, e Airg (Associazione Italiana Ristoratori Giapponesi).

Martedì 23

Sake e sottaceti: una passione tutta giapponese!

Ore 16.30: Il Genuine Education Network (Gen) vi guiderà in un viaggio attraverso il variegato mondo del sake e dei sottaceti. Marie, malese di origini ma trapiantata in UK, e Bernhard, tedesco tutto d’un pezzo, fanno parte del gruppo dei ricercatori del Gen, recentemente coinvolti in un viaggio didattico in Giappone: a loro il compito di svelarci i segreti di questa cultura gastronomica millenaria.

Mercoledì 24

Comunità delle cicoriare

Ore 15: Una lezione sul riconoscimento e sui metodi di raccolta di erbe commestibili e officinali a cura della Comunità del cibo delle cicoriare (Cori e Giulianello, Lt), raccoglitrici e raccoglitori che fin dal dopoguerra hanno creato un’economia grazie alla vendita della cicoria nei mercati cittadini. Sarà proiettato un video che racconta le giornate organizzate dalla Comunità.

Giovedì 25

La mensa che vorrei

Ore 13: Presentazione del progetto di educazione al diritto al cibo e a una mensa buona, sostenibile e giusta nato dal bando “Nutrire il Pianeta” lanciato da Fondazione Cariplo, Comune di Milano e Regione Lombardia. Tramite azioni di cittadinanza attiva e un percorso didattico costruito da ActionAid, Slow Food e Cittadinanzattiva, il progetto mira ad accrescere la qualità, la sostenibilità e la sicurezza delle mense scolastiche di 50 scuole italiane e brasiliane, attivando e sensibilizzando i cittadini e gli studenti lombardi sui temi dello spreco alimentare e del diritto al cibo.
In Italia protagonisti di questo percorso saranno alunni, insegnanti e genitori delle scuole primarie di Milano, provincia di Milano, Bergamo, Mantova e Pavia, mentre in Brasile il progetto mira a creare un collegamento tra agricoltori locali e mense scolastiche, per migliorare l’alimentazione degli studenti e fornire uno sbocco ai prodotti agricoli delle comunità locali.
Partecipa lo chef Vittorio Fusari del ristorante Pont de Ferr di Milano.

Mense e orti, possibili connessioni future

Ore 15: I protagonisti di alcuni progetti attivi sul territorio nazionale presentano i loro percorsi per migliorare la consapevolezza e la partecipazione della comunità sul cibo, a partire dalle mense. Un incontro per presentare le pratiche virtuose, condividere gli obiettivi e trarre spunto per nuove direzioni, per acquisire maggiore coerenza fra quanto viene coltivato nell’orto e il pasto servito nelle mense scolastiche.
Si raccontano:
Slow Food Treviso per orti e mense che verranno… a Mogliano Veneto
Slow Food Trieste e l’Azienda per l’Assistenza Sanitaria Triestina
La mensa di Bagno a Ripoli
“Pensa che Mensa” nel Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna
A tavola con le religioni, tutela del pluralismo religioso in mensa
Modera Andrea Pezzana, referente scientifico Slow Food area cibo e salute.

Venerdì 26

Un pane giallo come il sole!

Ore 15: Il pane giallo della Tolfa, meglio conosciuto come Pane di Allumiere, si distingue per il suo colore e il profumo inconfondibile di cereali. Ancora oggi prende vita da un’antica ricetta che prevede l’utilizzo di una semola rimacinata per aumentare la finezza della grana. Venite a scoprirne il profumo e il sapore!

Sabato 27

L’Isola delle verdure, un approccio sostenibile a 360°

Ore 16: L’Isola delle verdure di Tassarolo (Al) è un progetto innovativo, che unisce l’energia pulita e sostenibile con la trazione animale per promuovere una soluzione pluridinamica per la biodiversità in campo.

“Il Pianeta che ci ospita” di Ermanno Olmi – proiezione contometraggio

Ore 20: Il Pianeta che ci ospita è il titolo del film cortometraggio realizzato in occasione di Expo 2015 Nutrire il Pianeta. «Lo scopo di questo evento universale è innanzitutto l’impegno dei popoli ricchi nel garantire cibo, acqua e dignità a ogni essere umano, secondo un principio di giustizia che regola la convivenza fra le genti della Terra. Allo stesso modo, i popoli che hanno conquistato attraverso il sacrificio dei loro martiri il privilegio della libertà siano esempio di democrazia e convivenza civile», commenta Olmi.

Domenica 28

Mangiamoli giusti! I pesci da mettere nel piatto e quelli da lasciare in mare. Una miniguida per combinare piacere e responsabilità

Ore 15: Il mare sta riducendo la sua capacità di concorrere alla nostra alimentazione, le condizioni di alcune specie di pesci sono particolarmente critiche. Anche noi consumatori, in base alle nostre scelte di acquisto, possiamo contribuire a invertire la rotta. Come possiamo modificare le nostre abitudini di consumo? Quali pesci possiamo mettere nel piatto e quali sarebbe meglio evitare? Le cose da sapere per poter scegliere in modo consapevole e per prenderci cura del mare.

Tutti i giorni

Da ricordare questa settimana le degustazioni nello Slow Cheese con Beaufort, Parmigiano Reggiano, Pecorino dei monti Sibillini e Fiore Sardo dei pastori – questi ultimi Presidio Slow Food – in abbinamento alle migliori etichette italiane dell’enoteca Slow Wine. Tutti i giorni inoltre si ripetono gli appuntamenti di Slow Food for Kids: imparare giocando per i gruppi estivi e i bambini in visita con la famiglia, e con i Suoni di Terra Madre, il palinsesto musicale dello Slow Food Theater, a cura di Luca Morino, che racconta la biodiversità della musica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *