L’inconfondibile tristezza della torta al limone

inconfondibile-tristezza-torta-limone

di Aimee Bender (trad. Damiano Abeni, Moira Egan) – ed. Minimum Fax

Una storia familiare in cui la tristezza si trova non solo nel titolo, ma anche in ogni pagina del racconto: niente di tragico, solo una malinconia costante accompagna la vita della protagonista e della sua famiglia.

Rose Edelstein fin da bambina scopre di avere un dono difficile da gestire: quando mangia, riesce a percepire gli umori e i sentimenti (nonché la provenienza) di ciò che sta gustando. La mamma ostenta serenità, il papà è in apparenza un uomo razionale preso solo dal suo lavoro e il fratello un genio dall’animo complicato. Alla fine, quando Rose imparerà a convivere con il suo dono, capirà che l’unica sua salvezza è ciò che prima considerava quasi un nemico, ossia il cibo.

Un libro scritto in modo eccellente, in cui l’Autrice riesce a utilizzare un tono quasi da fiaba in modo più che mai reale: non c’è disincanto in questa storia, solo le difficoltà di una famiglia borghese, apparentemente perfetta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *