In The Kitchen

in-the-kitchen

di Monica Ali, ed. Il Saggiatore

Romanzo che si fa notare più per le descrizioni della vita in cucina e per le caratterizzazioni dei personaggi che per la trama.

Lo chef Gabriel dell’Imperial Hotel di Londra si districa tra mille impegni: la gestione della cucina con la sua brigata multietnica, il matrimonio imminente, la malattia terminale del padre e il progetto nascosto di aprire un nuovo ristorante con soci della Londra-bene.

La sua routine già indaffarata viene ad essere scombussolata dal ritrovamento del cadavere di un lavorante ucraino nei sotterranei del ristorante. L’incontro tra Gabriel e Lena, bielorussa legata apparentemente all’uomo morto, renderà ancora più fragile la psiche dello chef.

Il libro è quasi diviso in due parti: nella prima le descrizioni della vita in cucina e delle difficoltà che uno chef di alto livello si trova ad affrontare riescono ad essere coinvolgenti, mentre nella seconda il protagonista è un uomo molto confuso, al limite della follia, e non ha più importanza che si tratti di uno chef o di un tizio qualunque che ha dei problemi.

Un romanzo un po’ slegato, in cui la morte e il contesto culinario hanno ben poca importanza. Lo stile è comunque scorrevole e le caratterizzazioni delle varie comparse che popolano il libro sono ben riuscite.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *