Marmellata, confettura, composta: una piccola guida per comprenderne le differenze

Marmellata, confettura, composta

Marmellata, confettura, composta: 3 nomi che spesso usiamo indifferentemente, ma che indicano tre prodotti ben distinti tra loro. Le caratteristiche che devono possedere sono stabilite per legge dal D.L. 50/2004. Ecco allora una piccola guida per comprenderne le differenze e imparare a dare a ogni conserva il giusto nome.

Marmellata

marmellata

Partiamo dalla marmellata, forse il termine più abusato di tutti. A differenza di quanto si possa pensare, la marmellata è esclusivamente quella fatta a partire dagli agrumi. Per prepararla si possono utilizzare il succo, la polpa, la purea e pure la scorza dell’agrume che, grazie al suo alto contenuto di acidi e pectina, non richiede l’aggiunta di altri addensanti. Non particolarmente utilizzata in Italia, la marmalade è molto amata nel Regno Unito, dove è diffusissima la marmellata di arance amare.

Confettura

confettura

Quella che più di tutte viene consumata in Italia è la confettura. Si prepara con polpa e/o purea di frutta (di una o più varietà), unita a zucchero e acqua. Dalle classiche albicocca e pesca ai frutti di bosco, passando per pomodori e peperoni, la confettura si può preparare con praticamente tutti i tipi di frutta. All’interno delle confetture esiste un’ulteriore differenziazione tra semplice confettura e confettura extra e la discriminante principale è la quantità di frutta utilizzata per un chilo di prodotto: nella prima la frutta minima deve essere 350g, mentre nella seconda almeno 450g. Per la confettura extra, inoltre, si utilizza solo polpa non concentrata.

Composta

composta di frutta

Più densa e senza pezzi di frutta è la composta: prodotta in genere con frutti ricchi di polpa come le mele, la composta è ottima sia per essere spalmata, ma anche buonissima da mangiare a cucchiaiate. Data la maggior quantità di frutta che richiede, la composta contiene meno zuccheri aggiunti ed è adatta anche per i più piccoli. Spesso in commercio si trovano anche composte aromatizzate con cannella, vaniglia o zenzero.

Un discorso a parte va fatto per castagne e marroni, da cui si ottiene una crema, date le particolari caratteristiche di questo frutto. Per fare la crema infatti si parte da una purea ottenuta da marroni lessati e frullati a cui si aggiunge lo zucchero e, a volte, anche rhum o cacao. Esistono infine anche le gelatine, prodotte a partire da succo di frutta e/o estratto acquoso di una o più specie di frutta.

Un po’ di storia…

La parola marmellata viene dal termine portoghese marmelada, a sua volta derivante da marmelo, ossia mela cotogna, di cui veniva fatta una composta spalmabile. È del 1982 la prima Direttiva Europea che stabilisce la distinzione tra le varie tipologie di conserve dolci così come la conosciamo oggi.


Scopri le confetture di Christine Ferber.

Leggi gli altri articoli della sezione Cultura Enogastronomica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *