Kopi Loewak De Molen

Kopi Loewak

Le birre artigianali si distinguono da quelle industriali per la creatività e le sperimentazioni dei birrai. Alcuni di loro, in particolare, si spingono oltre l’immaginabile, in una corsa verso lo stupore. D’altro canto la curiosità e il desiderio sono i motori del mondo e anch’io non posso sottrarmi alla sana voglia di scoprire cose nuove, specie in ambito brassicolo.

Mi viene proposta una bottiglia di Kopi Loewak, il birrificio è uno dei più apprezzati del panorama europeo: l’olandese De Molen. Si tratta di una coffee imperial stout realizzata proprio con il costosissimo Kopi Luwak, un caffè i cui chicchi vengono ingeriti, semidigeriti e infine defecati (avete capito bene) da un simpatico animaletto che vive in Indonesia: lo zibetto della palma comune. Una tazzina di questo pregiato caffè può arrivare a costare anche 25 euro!

luwak-weasel

La birra si presenta ovviamente scura con un leggero strato di schiuma marrone, mettendo il naso nel bicchiere sembra di entrare in un bar dove hanno appena macinato i chicchi di caffè. Qualche altra timida e scontata nota di tostato, un po’ di alcool e niente più. È chiaro che non ci saremmo aspettati di trovare fresche note floreali o esteri da lievito belga, ma un bouquet così monotematico risulta un po’ deludente.

In bocca conferma le sensazioni espresse all’olfatto e non riesco a non sorridere quando mando giù il primo sorso: l’alcool abbastanza presente unito al caffè mi rimanda a una nota bevanda consumata sui freddi gradoni degli stadi italiani…

Non è una bocciatura totale la mia, sia chiaro: sebbene la birra mi sia parsa evidentemente squilibrata, è un buon prodotto. Forse semplicemente erano troppe le aspettative riposte in questa bottiglia. La riflessione che propongo verte più che altro sul confine tra ricerca e stravaganza. Senza invocare il fantasma di Guglielmo IV di Baviera, ma c’era proprio bisogno di scomodare lo zibetto per fare questa birra? Fino a che punto si tratta di reali e sane smanie creative e non di illuminate trovate di marketing?

  • Valutazione: due_quadri

Commenti

  1. dice

    Che dire!!!da un caffè fatto da cacca ad una birra fatta di cacca…io non bevo il caffè che non mi piace!!!figuriamoci un caffè di questo tipo, ma figuriamoci una birra fatta di questo tipo!!!!
    A parte gli scherzi…io non ho assaggiato questa birra, quindi il mio riferimento verte più sul tipo di ingrediente usato; mi piacerebbe sapere se il chicco di caffè defecato da questo animale possa conferire un sapore particolare rispetto ad un normale chicco di caffè; secondo me la stravangaza nel fare birra ci sta tutta, nel momento in cui questa stravaganza mi porti ad avere un prodotto, in questo caso la birra, particolare diciamo unico sia per il prodotto usato ma sia per il risultato ottenuto!!!
    A mio parere non si tratta di stravaganza ma bensì di marketing; va bene la continua ricerca del sapore nuovo…ma tale sapore mi deve dare sempre una bevanda buona, perchè poi basta che non piaccia per non berla più…io sono sempre del parere che prima di immettere una nuova birra sul mercato, la ricetta di questa deve essere colladata, non basta fare la prima cotta con il nuovo ingrediente per renderla buona ed unica!!!

  2. EmmeKappa47 dice

    Sinceramente?
    A me più che di entrare in una caffetteria, è parso di entrare in un negozio di sottaceti. Anzi, direttamente NEL barattolo di sottaceti. E la mia è una totale bocciatura. La birra peggiore che abbia mai sfiorato le mie papille gustative!!! Orrore!!!

  3. Erica Battellani dice

    Rileggendo questo articolo mi viene sempre da ridere. Non so se sia smania creativa o marketing, di sicuro a me sembra una fesseria senza pari

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *