Formenton Casa Veccia

Formenton Casa Veccia

Nonostante la crisi continuano a nascere microbirrifici in tutta Italia.

Il numero è diventato davvero impressionante ed è sempre un piacere bere qualcosa di nuovo. Provare il frutto del lavoro di qualcuno che, da poco, ha dedicato anima e corpo ad una passione significa assaggiare il suo sogno.

Ivan Borsato ha iniziato qualche anno fa come molti, da homebrewer, poi ha deciso di fare le cose sul serio e la sua “Casa Vecia” a gennaio prossimo compirà un anno.

Le bottiglie si presentano con una grafica accattivante, le etichette sono curate infatti dai baschi di Kukuxumusu.

Tra le produzioni del birraio veneto ho assaggiato la Formenton. Una weizen? Una blanche? Una via di mezzo. C’è il frumento, il lievito è tedesco ma la ricetta è belga.

Si presenta con un colore paglierino con qualche riflesso arancio e ovviamente è opalescente. Al naso presenta subito una predominanza di sentori tipici del lievito utilizzato che si mischiano bene con le note agrumate. In bocca è leggera, molto beverina e presenta una certa astringenza per via di una discreta acidità.

Forse un po’ di luppolo in più non guasterebbe, darebbe una chiusura più decisa alla birra e farebbe bene anche alla schiuma che è parsa un po’ evanescente.

Una birra abbinabile con piatti poco complessi e delicati. In definitiva un buon biglietto da visita per questo nuovo microbirrificio.

  • Valutazione: due_quadri_m

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *