Osteria Bottega – Bologna

Osteria-Bottega-Bologna
Indirizzo:via Santa Caterina, 51 - 40123 Bologna
Telefono:051 585111
Giorno chiusura:domenica e lunedì
Fascia di prezzo:40 - 50 euro
Tipo di locale:osteria
Carte di credito:Visa, Mastercard e Bancomat
Andateci per:la cotoletta alla bolognese!

Ci sono locali come l’Osteria Bottega che è difficile catalogare, un po’ osteria, un po’ ristorante, un po’ enoteca.

Quando queste tre caratteristiche sono in perfetto equilibrio – il clima è quello dell’osteria, in sala c’è un mattatore (nonché patron) di grande mestiere come Daniele Minarelli, che recita la carta dei vini a memoria, il servizio è garantito da eleganti camerieri, e vengono proposti piatti della tradizione con materie prime di grande livello – allora siamo certi di essere approdati all’Osteria Bottega di Via Santa Caterina, a Bologna.

Uno scrigno caloroso, dove apprezzare il meglio della cucina emiliana, a cominciare da una selezione di salumi di eccellenza, come la mortadella di Pasquini, un culatello di Zibello e un prosciutto di Parma entrambi di 36 mesi da applauso, una succulenta salsiccia cruda al pepe nero (non sarà facile staccarsene…) e ancora coppa, ciccioli, pancetta, spalla, salame, lardo.

Anche con i formaggi c’è da divertirsi. La lista è lunga ma soprattutto qualificatissima, con formaggi di capra e di vacca, pecorino di fossa, taleggio, erborinati, in un tripudio di sapori e profumi che, da solo, varrebbe una sosta alla Bottega.

Passando ai primi piatti, imperdibili le tagliatelle al ragù, quelle al culatello e i tortellini in brodo; in una delle nostre ultime visite abbiamo goduto anche degli ottimi strichetti fatti a mano con cardi e salsiccia.

Ma se è la prima volta che venite alla Bottega, non dovrete perdere la Petroniana, l’autentica cotoletta alla bolognese, che non ha assolutamente rivali in tutta la città! Questo piatto richiede un certo impegno: si parte da una costoletta di vitella con osso che viene impanata e poi fritta alcuni minuti; dopo essere stata passata nel brodo, si aggiungono prosciutto e parmigiano e, in conclusione, viene messa qualche istante in forno. Alla Bottega vi sarà servita intera (è almeno per due persone) con il residuo del brodo, e porzionata davanti ai vostri occhi! Un piatto impetuoso, che urla, che ci riporta a una cucina in bilico tra emozione e godimento.

Fra i secondi segnaliamo anche il piccione, dalla cottura perfetta, l’ottima faraona, e un nostalgico polpettone con il purè. Il nostro contorno è stato una giardiniera d’altri tempi, ideale anche come antipasto, e le patate al forno con il sale grosso.

Infine, i dolci: oltre alla sempre gettonata e buonissima zuppa inglese, da non perdere la ciambella e la pinza con la mostarda, dolce tipico bolognese, ormai così difficile da trovare nelle carte dei ristoranti cittadini.

Come vino ci è stato proposto il Lambrusco Grasparossa di Castelvetro “Lacrime di Bosco” di La Piana, un prodotto fresco e intenso con gradevoli note minerali, un ottimo consiglio di Daniele Minarelli.

  • Valutazione: quattro_cuori

[Foto di cucchiaio.it]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *